Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sciroppo di fiori di sambuco’

Dunque … finalmente, siamo davvero alla fine! Domani me ne vado in fuga, lontano, a rilassarmi per dieci-dodici giorni senza pensare a nulla se non a cercare spiagge e sapori nuovi …
Prima di partire, però, ho un paio di cosette in sospeso …
Eravamo rimasti alla promessa di un e-book e di uno screensaver …
Il primo è decisamente a buon punto, tanto che posso cominciare a darvi un’idea di come verrà impostato … per lo meno in versione .pdf

Le mani nella Marmellata

Come potrete vedere, alla fine di molte ricette sono state inserite stampe storiche, notizie sui prodotti utilizzati, ecc.
Sono convinta che ne possa uscire una cosa simpatica … e, magari, anche utile! 🙂
Naturalmente, a tutte le vostre ricette in concorso ho aggiunto anche qualcuna delle mie!

Per quanto riguarda lo screensaver, invece, preparare un demo da scaricare, installare, provare, ecc. mi sembrava abbastanza complesso.
Il “prodotto finale” è praticamente pronto da postare e mettere a disposizione … intanto vi faccio vedere qualcuna delle immagini che compariranno, se vorrete, sui vostri schermi …

 

 

 

… e via scorrendo …

Come ricorderete, e-book e screensaver non sono gratuiti ma si possono “acquistare” pagando con una moneta particolare. Le istruzioni, in ogni caso le ripeto qui di seguito:

Per chi non ha una carta di credito o non la vuole usare su internet

  • Andare su questa pagina http://www.unicef.it/doc/239/altri-modi-per-donare.htm;
  • Scegliere una modalità di versamento;
  • Fare un versamento di almeno 4,50 € a favore dell’Unicef, seguendo le istruzioni sulla pagina indicata;
  • Inviarmi, copia della ricevuta di versamento via e-mail.

Per chi ha una carta di credito 

  • Andare su questa pagina http://www.regaliperlavita.it/ ;
  • Scegliere un regalo cliccando sulle varie possibilità;
  • Cliccare su aggiungi al carrello;
  • Cliccare in alto a destra su “Completa il tuo acquisto…” (si, dove c’è l’icona del carrello della spesa);
  • Cliccare sul pulsante azzurro “Procedi con l’ordine”;
  • Scegliere come gadget in omaggio la e-card;
  • Compilare il campo nome con “Antonella”, il campo e-mail con illuppoloselvatico@gmail.com e cliccare su “Conferma l’ordine” in fondo a destra;
  • Se non siete già registrati, compilare il modulo di registrazione e cliccare su “Avanti”;
  • Procedere con il pagamento, seguendo le istruzioni.

Come potete vedere, la moneta con cui pagare l’ebook o lo screensaver è una donazione, anche minima, all’Unicef.
A questo punto, io spero davvero che vogliate tenere nel vostro pc questo e-book, che vogliate magari regalarlo per Natale e che, infine, vogliate raccontare anche ad altri che è qui disponibile: perchè ho cercato di fare del mio meglio (nonostante tutta la mia inesperienza) ma, SOPRATTUTTO, perchè è una possibilità per aiutare tanti bambini che la marmellata non sanno nemmeno cosa è!

Quindi … aspetto vostre notizie! Al mio ritorno, il 15 dicembre, tutto sarà pronto e potrò cominciare a spedire tutto ciò che mi avrete … “ordinato”! 🙂

A presto!!!

 

Come? … Chi? …. I vincitori??? Perchè, non li ho già comunicati? … Se lo dite voi … 🙂

Allora …

I giurati NON si sono riuniti …

ma, allo scopo di non influenzarsi a vicenda, si sono ritirati  meditare in meravigliosa 🙂 solitudine! 

… Hanno letto e valutato …

… e, alla fine, il giudizio di Antonella, l’organizzatrice, di Daniele, il goloso, e di Matteo Panfilio, chef del ristorante La locanda dei Narcisi, è risultato unanime, sia per le marmellate, sia per gli sciroppi … e quindi …

 … The winners are …

Una cucina a pois con Marmellata di pesche bianche e zafferano

&

Accantoalcamino’s con Sciroppo di fiori di sambuco

 

 

 

Annunci

Read Full Post »

Ecco… è successo che …
Insomma, da quando ho aperto Il Luppolo Selvatico, lui è cambiato!
Si, d’accordo, sono solo piccoli dettagli, però, innegabilmente, è cambiato!
Prima si alzava al mattino e a colazione era la solita tazza di tè con solo un po’ di zucchero di canna, pane e marmellata oppure qualche biscotto o una fetta di torta…
Solo quando era di fretta, a causa del solito conflitto a fuoco con la sveglia, preferiva una mokina di caffè al volo.
Poi, pian piano, ha cominciato cambiare: nel tè, ad esempio, niente zucchero di canna ma solo sciroppo di fiori di sambuco aromatizzato al cardamomo … (chi gli avrà messo nella testa certi vizi???)
Negli ultimi giorni, però, il cambiamento è stato ancora più evidente: anche il tè è rimasto in dispensa, di caffè neanche a parlarne; la riserva di sciroppo, invece, ha continuato a calare vistosamente … non arriverà mai a Natale!
Finalmente, questa mattina, ho scoperto cosa succede nella mia cucina al mattino presto: lui, a colazione, beve … DICO, per colazione, si fa un cicchetto!

Roba da lasciarlo tre giorni senza cena, e soprattutto senza scarponi da funghi, per punizione … però, visto che comunque un minimo di professionalità bisogna sempre mantenerlo … non ho potuto fare altro che chiedere …

… gli Ingredienti… 😀

  • Sciroppo di fiori di sambuco Libera style, aromatizzato al cardamomo;
  • Quattro cucchiaini di Kefir (original Oxana’s only);  
  • Un seme di cardamomo.

… e quindi … la Preparazione

In un bicchierino da cicchetto, sapete, quello classico da “one shot” cioè da “giù tutto in una volta”, versare due dita abbondanti di sciroppo di fiori di sambuco.
Deporre sulla superficie dello sciroppo quattro cucchiaini di kefir, di quello bello denso, a cui avete tolto il siero.
Schiacciare un seme di cardamomo e posarlo sopra il kefir.
Lasciare che il profumo del cardamomo faccia il suo lavoro (lui dice che è giusto il tempo di rasarsi … ???).
Togliere il seme di cardamomo, fare un bel sospiro per far capire che siete ben coscienti di essere viziati e bere in due lente sorsate, lasciando che il palato si goda il tutto!

Non so cosa avreste fatto voi … io, solo per non condannare ingiustamente un innocente, l’ho assaggiato! 🙂

Mica male ‘sta trovata ! 😉

Libera, Oxana: grazie ancora … adesso, però, alla creatura tocca trovargli un nome! 😀

Read Full Post »

Ieri sera, stavo mettendo in ordine un ripiano della libreria che ho nell’entrata quando mi è capitato tra le mani un libro che non ricordavo di aver visto. Copertina bianca una po’ consumata, un’immagine che ricorda uno stupa nepalese e, a confermare,  il titolo: “Flash. Katmandu il grande viaggio” di Charles Duchaussois.
“Questo è tuo?”, chiedo a Daniele.
“Si, però non dovrebbe essere lì; mi sembrava di averlo messo di seguito a quelli di Kerouac e Ferlinghetti.” 🙂
Stando seduto al tavolo, mio marito perde gli occhiali almeno tre volte in un’ora … in compenso, è capace di entrare in casa e di accorgersi se I viaggi di Ibn Battuta non sono più di fianco al Milione in un tempo da record …
Mi sono messa a sfogliare il libro e, leggiucchiando qua e là, ho trovato la descrizione di una bevanda indiana, oggi piuttosto conosciuta: il lassi.
Ovviamente, visto l’argomento del libro, la versione descritta era quella del Bhang Lassi, che ha tra i suoi ingredienti una discreta base di cannabis …
… non essendo una sostenitrice del “No Maria, No Party!” non ho prestato attenzione più di tanto alla cosa ma poi … no, tranquilli, non mi sono strafatta di yoghurt cantando “I shot the sheriff” … molto più semplicemente mi è venuta in mente Terry! 🙂
Terry aveva già postato in passato qualcosa sul lassi … controllino … ed infatti eccolo: kesar lassi!
Qualche ricerca su internet … un sacco di notizie e ricette: speziato, alla frutta, dolce, salato … differenze tra ayran turco, kumis, lassi …
Questa cosina ha qualche mucchietto di secoli di storia, come te lo inventi qualcosa di nuovo?
E a questo punto mi viene in mente Libera … e il suo sciroppo di sambuco con variante al cardamomo.
Ecco, appunto … e se poi qualcuno ci ha già provato? Chissenefrega, io non lo so e posso sperimentare in beata ignoranza … altrimenti, ho inventato un lassi 😀

Ingredienti

  • Yoghurt intero 250 gr;
  • Acqua ghiacciata 100 gr;
  • Sciroppo di fiori di sambuco 60 gr;
  • Cardamomo;
  • Sale

Preparazione

In una brocca riunire lo yoghurt, l’acqua, lo sciroppo di fiori di sambuco precedentemente aromatizzato con semi di cardamomo pestati ed un pizzico di sale. Frullare il tutto per alcuni minuti e servire subito. 

Vero è che il lassi andrebbe sbattuto con un apposito attrezzo in legno… anche così, però, il primo esperimento è risultato fresco, dissetante e godurioso … insomma, a me è piaciuto!

P.S. Certo, presentato con un “ombrellino” di fiori di sambuco a decorare avrebbe fatto un’altra figura ma mica potevo andare in giro con una pila, di notte, a cercar fiori … 😉

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: