Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mandorle’

Squisita la torta di mandorle di Varzi: uova, farina, burro, scorza di limone e mandorle di prima scelta… resta buona e fragrante per un sacco di tempo.

Nel 2006, la torta di mandorle di Varzi, ha ottenuto il marchio Deco, la denominazione di origine comunale protetta che ne attesta la paternità… come i “brasadè di Staghiglione“.

Questa ricetta, con qualche ingrediente diverso rispetto a quelli dichiarati da chi la produce, è uscita da un vecchio quaderno, annotata proprio come “torta di mandorle di Varzi”. Io ve la propongo con  la mia solita rivisitazione relativa alla farina e se poi non è proprio quella di Varzi, beh, in effetti, questa ha ricevuto solo la certificazione SaC …. Sbranata a Colazione… 😉

Ingredienti

  • 300 gr di farina bianca di farro;
  • 200 gr di zucchero;
  • 150 gr di mandorle pelate;
  • 50 gr di mandorle sgusciate;
  • 100 gr di burro;
  • 1 uovo;
  • 15 gr di fernet;
  • 8 gr di lievito per dolci;
  • un pizzico di sale.

Preparazione

Versare sulla spianatoia la farina, unire il burro (freddo di frigorifero) tagliato a pezzetti ed impastare rapidamente fino a sabbiare il composto.
Unire le mandorle tritate ed il lievito e raccogliere l’impasto a fontana; versare al centro lo zucchero, l’uovo intero leggermente sbattuto ed il fernet.
Impastare il tutto lavorando velocemente il composto.
Raccogliere l’impasto ottenuto a palla, avvolgerlo in un foglio di pellicola e porlo a riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Trascorso il tempo indicato, stendere l’impasto, trasferirlo in uno stampo imburrato ed infarinato del diametro di cm 28.
Decorare con i rebbi di una forchetta.
Cuocere la torta per circa 35 minuti con forno preriscaldato a 200°.
Nota: l’uovo è stato utilizzato intero per ottenere una pasta piu’ secca.

Annunci

Read Full Post »

 

Ingredienti – dose per due

  • Tagliatelle bicolori di Kamut secche  gr 180
  • Una noce di burro
  • Una manciata di mandorle a scaglie
  • Salvia
  • Rosmarino
  • Qualche foglia di timo
  • Semi di papavero
  • Sale

 Preparazione :

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata.
Nel frattempo tritare finemente un ciuffetto di salvia, le foglie di un rametto di rosmarino e qualche foglia di timo fresco. In una padella far sciogliere il burro e lasciare soffriggere per un attimo; unire le erbe aromatiche, le scaglie di mandorle e legare con un cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
Una volta cotta, scolare la pasta e farla saltare qualche istante nel condimento.
Servire con una spolverata di semi di papavero.

Le tagliatelle bicolori le ho fatte io unendo in una sola sfoglia due impasti di diverso colore ….
Entrambi gli impasti sono fatti con farina di kamut, uova ( 1 uovo ogni etto di farina ) ed un pizzico di sale; se necessario, per ottenere la giusta consistenza, aggiungere all’impasto un po’ di acqua tiepida oppure qualche cucchiaio di farina .
La pasta verde è colorata con gli spinaci.

Come preparare la pasta verde agli spinaci:

Ingredienti per 500 gr di farina di Kamut

  • 250 gr di spinaci freschi
  • 5 uova medie
  • Un po’ di sale

N.B.  KAMUT® é un marchio registrato di Kamut International, Ltd.

 Preparazione:

Mondare e lavare gli spinaci ripetutamente in acqua fredda.
Cuocerli preferibilmente a vapore oppure in una casseruola con un pizzico di sale (non aggiungere acqua, basta quella rimasta sulle foglie dopo il lavaggio ed inoltre il sale aggiunto aiuterà ad estrarre la loro acqua di vegetazione). Una volta cotti, strizzarli molto bene quindi frullarli finemente.
Aggiungere gli spinaci cotti e frullati alla fontana formata con gli altri ingredienti e lavorare l’impasto fino ad averlo liscio ed omogeneo.

Questa ricetta è gemellata con le Pappardelle di kamut con chiodini e zucca di Libera!

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: